Cerca

Da noi non può succedere (la profezia sull'avvento di Trump)

Aggiornamento: 27 lug 2020

La tirannia di questa dittatura non è essenzialmente colpa dei grandi capitalisti, né dei grandi demagoghi che fanno il loro sporco mestiere. La colpa è di Doremus Jessup! Di tutti quei coscienziosi e rispettabili Doremus Jessup che con la loro indolenza hanno permesso ai demagoghi di prendere il largo, senza mai protestare con troppa convinzione.
(Da noi non può succedere - 1935. Sinclair Lewis)

Stati Uniti, 1936. Dopo un solo mandato, il presidente Franklin Delano Rooselvet viene sconfitto e quindi sostituito alla guida del paese dal senatore Buzz Windrip. Il nuovo volto della politica americana ha avuto ragione dei suoi avversari puntando su una campagna elettorale basata sulla promessa di una drastica riforme economico-sociale e rassicurando sulla difesa dei valori tradizionali e del patriottismo. Una volta al potere, Windrip stravolge l'impianto democratico stelle e strisce facendosi dittatore per la propria nazione: potrà così "difenderla" dai nemici storici e "purificarla" dalla criminalità e dalla libera stampa. Il nuovo regime è indigesto a Doremus Jessup, direttore del "Daily Informer", giornale della città di Fort Beulah. L'opposizione del giornalista alla tirannia appena insediatasi è il cuore pulsante del romanzo di Sinclair Lewis, primo statunitense a vincere il Premio Nobel per la letteratura nel 1930.


- La trama può ricordare quella de Il complotto contro l'America di Philip Roth del 2004, in cui si immagina che Roosevelt venga battuto dall'aviatore Lindbergh simpatizzante di Mussolini e Hitler. Probabile che Roth si sia ispirato al romanzo di Lewis -


Fantapolitica, ucronia e distopia; sono gli ingredienti principali che compongono l’opera di Sinclair Lewis. Ma c’è un tema sul quale poggiano i tre generi, che poi è il punto nevralgico del racconto: il fare disinvolto con cui l'uomo si abbandona all’abominio della dittatura malgrado abbia raggiunto la maturità del governo democratico o, quanto meno, ritenuto tale. Così, mentre il romanzo prospetta un futuro alternativo per gli Stati Uniti, si procede a ritroso sulla linea evolutiva delle forme governative; partendo dalla nazione che nel mondo, almeno apparentemente, rappresenta il simbolo della libertà. Cosa, Da noi non può succedere, e invece succede? Che, la perdita progressiva dei diritti fondamentali da parte dei cittadini a favore di una tirannide che promette di difenderli da nemici presunti, è un evento che ha la possibilità di verificarsi al di là della solidità delle istituzioni presenti.


Lewis immaginò come, quello che oggi chiamiamo populismo, potesse attecchire anche negli Stati Uniti. E la sua intuizione è addirittura scioccante se ci si sofferma sul tratteggio del presidente Windrip:

Doremus Jessup, osservatore che non dava nell'occhio, considerando il senatore Windrip non sapeva spiegarsi la sua facoltà di incantare così tanta gente. Il senatore era volgare, praticamente illetterato, un uomo pubblico bugiardo facile da smascherare e dalle 'idee' pressoché idiote, la cui celebrata fede era quella di un commesso viaggiatore di articoli da chiesa, e il cui celebrato senso dell'umorismo un furbesco cinismo da emporio di paese. ... C'erano due cose che distinguevano quel Demostene da prateria. Era un attore di genio. Sulle scene teatrali, cinematografiche, e persino sui pulpiti, non c'era attore più travolgente. Roteava le braccia, batteva le mani sui tavoli, lanciava occhiate furiose, vomitava una collera biblica a bocca spalancata; ma allo stesso tempo poteva parlare come una madre amorevole, supplicare come un amante addolorato.

Curiosità: Nel 1982 il regista Kenneth Johnson ispirandosi al libro scrisse un soggetto dal titolo Storm Warnings. Sottoposto al vaglio della NBC per una serie televisiva, il plot fu respinto perché considerato troppo cerebrale per il pubblico statunitense. Si pensò ad una rivistazione per rendere il tutto più appetibile, così i fascisti statunitensi furono sostituiti da extraterrestri mangiatori di uomini, la storia rivista divenne la famosa e acclamate miniserie V - Visitors.